Contenuto principale

Il personale come capitale umano ed intellettuale

Un team di docenti giovane, con un basso turn over e un’alta continuità di servizio sono i tre aspetti che caratterizzano la qualità del capitale umano del Cts. Il 60% degli insegnanti ha infatti meno di 45 anni, al di sotto della media nazionale ed è altamente qualificato, con quasi l’80% in possesso del diploma di laurea. A questo si aggiunge una diffusa esperienza pregressa in azienda o in altre organizzazioni, un aspetto fondamentale per una realtà che deve mantenere un legame stretto e aggiornato con il mondo del lavoro. Alla formazione dei docenti, sia specifica che di settore, il Cts ha dedicato in tre anni oltre 15mila ore. Il 67% dei docenti, percentuale che sale al 100% per gli insegnanti di ruolo, ha superato la procedura per ottenere l’idoneità all’insegnamento. La stabilità e la continuità dell’insegnamento sono garantite dall’alta percentuale di docenti di ruolo e dall’alta continuità di servizio: il 41% dei docenti ha infatti un’anzianità media di 5 anni, mentre il 46% ha un’anzianità di servizio compresa tra i 6 e i 20 anni, addirittura il 18% ha più di 20 anni di esperienza all’interno del Cts.

E’ formato da 57 docenti, 10 amministrativi e una direttrice il capitale umano ed intellettuale del Cts. Un patrimonio costituito da un team di formatori altamente qualifi cato; il 78% ha infatti un diploma di laurea, mentre il 22% ha un diploma superiore; il 60% è rappresentato da donne di cui l’85% è in possesso di un diploma di laurea (graf. 12) .

grafico12

Per quanto riguarda l’età media (tab. 13) il 59% dei formatori ha meno di 45 anni, decisamente inferiore all’età media nazionale del personale docente che è di 52 anni4.

Nel gruppo dei formatori il turn over è generalmente costante: il 60% dei docenti è infatti di ruolo e del 40% incaricato annualmente, circa la metà (48%) viene confermata al momento della scelta del posto, garantendo continuità didattica e contribuendo ad accrescere il valore aggiunto di un team coeso che condivide strategie e obiettivi didattici.

Il 20% circa (dato calcolato sulle persone di ruolo insieme alle persone ad incarico, ma sostanzialmente stabili) di nuovi ingressi costituisce una risorsa che può portare nuove esperienze utili all’innovazione nella didattica e nei progetti trasversali. Il basso livello di turn over è testimoniato anche dalla continuità di servizio, rilevata attraverso un questionario su un campione di 39 docenti. Il 41% dei docenti ha infatti un’anzianità media di 5 anni, mentre il 46% ha un’anzianità di servizio compresa tra i 6 e i 20 anni, addirittura il 18% ha più di 20 anni di esperienza all’interno del Cts. E’ interessante notare che, benché la stabilità presso il Cts sia elevata, il 62,5% dei docenti ha esperienze pregresse in azienda o in altre organizzazioni, un elemento molto importante per una realtà che richiede al docente una conoscenza del mondo del lavoro e, contemporaneamente, competenze didattiche aggiornate e diversifi cate in base alla tipologia di utenza e di corso. Un’organizzazione complessa e diversificata come il Cts investe nello sviluppo professionale dei propri collaboratori attraverso l’assegnazione di ruoli interni a presidio delle diverse attività.

Tab13

Il 54% dei docenti, infatti, ha svolto almeno una volta nel triennio il ruolo di tutor, il 26% quello di coordinatore di un prodotto formativo e il 54% ricopre altri ruoli, dalla conduzione di gruppi di lavoro, alla gestione del sistema qualità. In alcuni casi la stabilità nel ruolo è abbastanza elevata, soprattutto su incarichi di tutorship (il 48% ricopre il ruolo da più di 3 anni) e di coordinamento (il 50% ricopre il ruolo da più di 3 anni) che richiedono continuità nel tempo.

grafico13Il Cts investe e dà valore alla crescita dei formatori chiamati a formare altre persone: nel corso del triennio il personale docente è stato impegnato in 15.744 ore di formazione, sia specifica per settore (corsi di aggiornamento nel settore informatico), sia generale sulla didattica e sulla gestione di progetti. Inoltre il 67% dei docenti, pari al 100% dei docenti in ruolo, ha sostenuto e superato una procedura di formazione e valutazione per ottenere l’idoneità all’insegnamento e l’11% ha superato la prima fase della procedura con il raggiungimento dell’idoneità sostanziale, che dovrà essere portata a termine con un’altra annualità di impegno formativo e personale. Il personale non docente (73% donne) è costituito da una direttrice, una segretaria scolastica, due collaboratrici amministrative, due assistenti di segreteria, un’aiutante amministrativa e quattro bidelli a disposizione di tutto il Centro di formazione Luigi Einaudi.